Pubblicato il

DANIELE BOSICA percorso artistico


DANIELE BOSICA

2010, LEGAMI, cemento, ferro e pietra, ubicata

Specializzato in Progettazione e Comunicazione di Beni Culturali

Laureato in Decorazione

Collaboratore Restauratore di Beni Culturali


ISTRUZIONE E FORMAZIONE

2010 Corso di alta formazione in scultura metalli, centro T.A.M. (trattamento artistico dei metalli) fondato da Arnaldo Pomodoro, Pietrarubbia PU.

Stage in allestimento mostre ed eventi presso Alexander museum palace hotel, Pesaro.

2010 Borsa di studio per residenza artistica, Workshow “Laboratori creativi in rete”, organizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Cagliari in collaborazione con il Ministero della Gioventù, l’ANCI ed il GAI, presso la Scuola Internazionale di Scultura del M° Pinuccio Sciola.

2008 Master in Progettazione e Comunicazione dei Beni Culturali e del  territorio toscano, Facoltà di Scienze Politiche di Firenze.

Stage presso la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della toscana del MiBac con sede a Firenze

Titolo Tesi: “Musei e Comunicazione” la carta della qualità dei servizi, con la    progettazione di un estratto di tale documento per tutti i musei e aree archeologiche della Toscana.

Relatore Soprintendente Bruno Santi.

2007 Diploma di Laurea in Decorazione, presso L’Accademia di Belle Arti di Firenze, valutazione finale 110 e lode.

Tesi di Laurea in storia dell’Arte: “Arte e Pubblico”, il cambiamento dei rapporti tra arte e pubblico: dalle Neo-Avanguardie alla Video-arte.

Relatore prof.ssa Susanna Ragionieri

2006 Attestato di Collaboratore Restauratore di Beni Culturali.

2001 Attestato ECDL (patente Europea del computer).

2000 Diploma di maestro d’Arte applicata presso L’Istituto Statale d’Arte di     Pescara, punteggio 77/100

Partecipazione a progetti artistici di ’ambito regionale e privato, con successive pubblicazioni di elaborati su catalogo.

DATI ARTISTICI

Attualmente allievo della scuola di alta formazione T.A.M. (trattamento artistico metalli) fondata da Arnaldo Pomodoro. Stage presso l’Alexander museum palace hotel, Pesaro.

2010 Borsa di studio, Workshop “Laboratori creativi”, presso la Scuola Internazionale di Scultura del Maestro Pinuccio Sciola, San Sperate (Cg). Realizzazione di due sculture: “Legàmi”, cemento e cera di giudea, dim. h.2,50 mt.;“Organetto”, pietra e acciaio. Le due sculture sono state collocate in un area comunale di Cagliari.

2010 Pubblicazione di foto paesaggistiche sul sito ufficiale del Comune di Cagliari.

lug.-ago. 2009 mostra collettiva “Incontro di Giovani Artisti” II edizione, organizzata dal Comune di Alba Adriatica. Opere esposte: il 6 Aprile (stampa digitale su forex, 70×100, raffigura un angelo posto davanti ad una casa colpita dal terremoto dell’Aquila), l’Angelo pensante (scultura in gesso).

Ott. 2008 collettiva di fotografia e scultura “Proteismo Reggente”, presso la sala espositiva del palazzo comunale di Teramo.

Sett. 2008 mostra fotografica per il QUEER florence festival, tenutasi al Viper Theatre di Firenze.

2008 foto selezionate dalla rivista Femme Italy, per documentare un articolo sulla lingerié.

2008 immagini pubblicate sul portale www.liberaeva.it sezione vernissage d’autore.

2008 stagione estiva: varie mostre collettive con il Gruppo Creabile, tenutesi in tre comuni della costa abruzzese (Giulianova lido, Alba Adriatica e Pineto).

Sett. 2008 mostra collettiva “Incontro di Giovani Artisti” I edizione, organizzata dal Comune di Alba Adriatica. Opere esposte: la finestra del Santo, Eco Annunciazione ed il Soldato (70×100, 100×70, 70×100, foto digitale su forex).

Ago. 2008 personale di pittura e fotografia, presso la Villa Filiani del comune di Pineto.

2008 mostra collettiva, intitolata: “Donne”, nella sala espositiva delle Casa dello Studente, viale Morgagni Firenze.

2008 prima personale fotografica, EROtismo, presso il caffè storico letterario Le Giubbe Rosse di Firenze.

2007 partecipazione al concorso fotografico Atlante italiano 007, tenuto dal MAXXI di Roma, con pubblicazione sul sito nella sezione luoghi da sogno.

2006 mostra collettiva di fine anno accademico, proiezione del video l’Incerto Prologo, nel Chiostro dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze.

2006 servizio fotografico di moda, richiesto da uno stilista emergente, Michele Fois.

2006 partecipazione al QUEER florence festival,  con il  video TransAction, che è stato scelto per la proiezione al cinema SpazioUno di Firenze.

2005 mostra collettiva di fine anno accademico, proiezione del video TransAction, nel Chiostro dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze.

2004 mostra collettiva “la Zona d’Ombra”, il Soldato (foto digitale in b/n, stampa su forex, 70×100), Accademia delle Belle Arti di Firenze.

2004 ideazione e partecipazione di una Performance, durante la Biennale d’Arte Contemporanea fiorentina, presso la Fortezza da Basso (Fi). In tale occasione è nata una collaborazione con l’artista internazionale Angel Orénsanz.

Durante il percorso di studi all’Istituto Statale d’Arte, ho partecipato a vari progetti artistici di ambito regionale e privato, con successiva pubblicazione degli elaborati su catalogo.

http://danielebosica.jimdo.com/

OPERE:

2002, CRISTO, gesso, finitura marmo, collezione
2002, DEA BENDATA, gesso
2005, ABITO, cemento
2005, cemento cromato, particolare
2006, PROFILO, cemento e foglia oro
2007, DONNA FERRO DA STIRO, bronzo bicromo, fusione
2007, ROBERTINA, bronzo, fusione a cera persa, particolare
2009, CROCIFISSA, bassorilievo gesso
2009, L'ANGELO PENSANTE, gesso collezione privata
2010, MASCHERA, terracotta
2010, ORGANETTO, pietra e ferro, Scuola Internazionale di P. Sciola, San Sperate CG
bassorilievo, OMAGGIO A KLIMT, particolare


Pubblicato il

Intervista a DANIELE BOSICA

DANIELE BOSICA

Il mio percorso artistico si è sviluppato attraverso la conoscenza e l’utilizzo di tutte le arti classiche e delle arti plastiche, facente parte della formazione Accademica fino all’interesse per le arti non convenzionali ma moderne come la fotografia e la video-arte. Le creazioni pittoriche, scultoree, decorative, fotografiche e video, pur trattandosi di generi tra loro diversi, hanno un unico denominatore. Personalmente considero queste forme d’arte un mezzo per arrivare a un unico obiettivo: esternare la creatività scaturita da molteplici emozioni, è questo che mi porta a fare arte. Negli ultimi anni ho anteposto la fotografia e il digitale alle altre arti, non per motivi etici ma per la loro fugacità, d’altronde: l’artista è come una spugna, assorbe e filtra tutto ciò che lo circonda…l’opera d’arte esce dalla spugna prendendo forma.

La fotografia in particolare non mi è nuova, per essere precisi è una passione che ho sempre avuto fin da bambino, soltanto che oggi è cambiata la sua funzione. Se prima utilizzavo la fotocamera per documentare e immortalare azioni o luoghi adesso il mio intento è la comunicazione, trasmettere al pubblico un messaggio, una sensazione del momento.

A questo punto parte la mia prima mostra personale di fotografia: “EROtismo”, presso il caffè storico letterario le Giubbe Rosse, Firenze.

“EROtismo”

di

DANIELE BOSICA

La raccolta fotografica testimonia l’importanza che l’erotismo ha nella società evidenziandone il suo sopraggiungere casuale. L’erotismo fa parte dei gesti, dei pensieri e delle azioni quotidiane; un occhio attento questo lo avverte e ne registra l’attimo piacevole, così come l’obiettivo di una fotocamera ne riporta fedelmente l’immagine su pellicola.

L’erotismo è un concetto allargato e appartiene a tutti, non solo al mondo femminile in cui è innato, ma a chiunque modelli il proprio corpo. Chi a suon di milioni e di bisturi abbandona i limiti del proprio essere, trascendendo ciò che la società gli impone, giunge a una propria identità spesso sfacciata e appariscente.

Cogliere l’erotismo in tutte queste svariate sfumature è meno scontato di quanto possa sembrare.

Se nel quotidiano o girando per strada trovo una fonte d’ispirazione, mi fermo a fotografarla, non per poi ritrarla fedelmente sulla tela (non avrebbe senso, la fotografia è già perfetta di suo, è reale). Il processo creativo avviene dopo la sua stampa, modificandola; arricchendo o impoverendo la sua essenza fino a che, ai miei occhi appaia perfetta!

Ultimamente invece, mi sto dedicando alla scultura, nel periodo accademico ho lavorato e sperimentato con materiali come: il gesso, l’argilla, la cera, il cemento e il bronzo. Nel corrente anno ho avuto modo grazie ad una borsa di studio (presso la residenza artistica del Maestro Pinuccio Sciola) di lavorare anche con la pietra. Adesso invece, è il momento dei metalli, un work in progress presso la scuola di alta formazione, il centro T.A.M. fondato da Arnaldo Pomodoro.

www.danielebosica.jimdo.com

Mostra EROTISMO Caffè Giubbe Rosse Firenze
Mostra Fotografica EROTISMO Caffè Giubbe Rosse Firenze

Pubblicato il

CARLA ACCARDI


CARLA ACCARDI [caption id="attachment_625" align="alignleft" width="551" caption="Fonte: siciliainternazionale.it"][/caption] L’artista è nata a Trapani nel 1924, attualmente vive e lavora a Roma dal 1946. Presso i suoi studi di via Margutta a Roma, l’Accardi ha frequentato artisti come: Consagra, Turcato, Attardi, Dorazio, Guerrini, Maugeri e Perilli, con i quali non solo ha condiviso le ideologie dell’arte astratta, sottoscrivendo nel 1947 il manifesto “FORMA 1”, ma insieme a loro ha partecipato anche a numerose collettive. La sua prima collettiva personale ha avuto luogo alla Galleria Numero di Firenze, e nel 1950 ha esposto alla Galleria Libreria Age d’ Or di Roma, esprimendosi per mezzo di una pittura costruttivo-concretista. Dal 1954, l’Accardi si sposta verso un ‘altra prospettiva pittorica, basata sulla poetica del segno, proponendo opere raffiguranti insiemi di segmenti bianchi adagiati su fondi neri. Agli inizi degli anni 60’. l’artista, si incentra sulla ricerca del segno-colore, trasferendo alle opere successive un intenso valore cromatico, utilizzando come supporto superfici trasparenti di sicofoil. Nel 1964, ha partecipato per la prima volta, con una sala personale, alla Biennale di Venezia, e a seguire nel 1976, 1978 e 1988. Dagli inizi degli anni Ottanta, sino ad oggi, l’artista predilige l’utilizzo di tele grezze, sulle quali adagia diverse stesure cromatiche, che contrapposte creano diverse intensità. Carla Accardi, ha partecipato alle principali rassegne storiche dell’arte in Italia e all’estero, come “Italia Art in the XXth Century” alla Royal Academy di Londra nel 1989, e nel 1994 è stata presente alla rassegna “The italian Metamorphosis 1943-1968” al Gouggenheim Museum di New York. Le sue opere sono presenti nei musei e nelle collezioni pubbliche e private di tutto il mondo. In Italia lavora con Minini di Brescia, Bonomo di Roma e Santo Ficara di Firenze, mentre all’estero collabora con la Gallerie Greta Meert di Bruxelles. [caption id="attachment_626" align="alignleft" width="252" caption="Carla Accardi Acquatinta dimensioni 55x75 cm Fonte immagine: oltrearte.com"][/caption] [caption id="attachment_627" align="alignleft" width="500" caption="Carla Accardi Acquatinta dimensioni 55x75 cm Fonte immagine:leggievai.it"][/caption] [caption id="attachment_628" align="alignleft" width="425" caption=" Materico sui grigio olio e smalto su tela (tecnica mista) dimensione cm53,5x62,5 fonte immagine: http://www.palazzoriso.it"][/caption]

Pubblicato il

FIRENZE BRUCIA!



Nata da un’idea di giovani studenti universitari nel 2006, é appena giunta a conclusione la sesta edizione di Private Flat. Si tratta di un progetto finalizzato alla promozione dei linguaggi artistici contemporanei nella città, che mira a riunire le opere di oltre 70 artisti, tra installazioni, mostre e performance,  in 17 appartamenti, spazi privati e luoghi di lavoro, appositamente allestiti per l’occasione, donando alla città una tre giorni dal respiro internazionale.

http://www.privateflat.it/

Davide Allieri, Shoes, 2009 @PF#6.3 Via dei Della Robbia, 33

Lorenzo “Logu” Guasti, Overdressed @PF#6.4 Piazzale Donatello, 33

Fuckyouverymuch, Breaking the Rules @PF#6.4 Piazzale Donatello, 33
Ximena Zuniga, Family Portrait, 2007 @PF#6.12 Via de’ Benci, 23